Bandi 2022

Bandi 2022

Facciamo il punto sui bandi proposti per il 2022 che rappresentano utili incentivi e grandi opportunità per le aziende italiane. Per ogni misura, una breve descrizione di introduzione. Per ulteriori dettagli contattateci!

 

Credito di imposta RS/innovazione tecnologica 2022:

la buona notizia è che le aliquote di contributo sono rimaste le stesse del 2021, quindi 20% per le attività RS, 15% per le attività innovative 4.0, 10% per l’innovazione tecnologica/innovazione estetica e design.
Il contributo si compensa sempre in F24, tutto ciò che vi transita (iva compresa).
Nei prossimi giorni/settimane verrà pubblicato un approfondimento su un nuovo contributo, sempre relativo all’ambito della RS e cumulabile col credito di imposta. Non mi dilungo in questa sede in quanto preferisco attendere il decreto per poi approfondirlo insieme.

 

Beni strumentali 4.0 2022:

come era già noto, i beni acquistati quest’anno godono di un credito di imposta pari al 40%. Dal punto di vista tecnico, i requisiti richiesti dalla normativa sono gli stessi presenti dal 2017. Quindi, in caso di qualsiasi tipologia di investimento 4.0, sentiamoci per gestire il recupero del contributo.

 

Sabatini 2022:

Anche la sabatini è stata rifinanziata. Il contributo è sempre pari al 10% del valore del finanziamento/leasing richiesto. Da quest’anno, il contributo rimane in unica soluzione per finanziamenti/leasing fino a 200.000 euro. Oltre tale valore, il contributo torna rateizzato in 5 anni. Se il bene non appartiene all’industria 4.0, il contributo sabatini è l’8%.
Ricordo che qualsiasi bene strumentale (impianti, macchinari, muletti, camion, furgoni, software, carroponte ecc) è agevolabile con la sabatini se tale bene è acquistato con finaziamento/leasing. Fondamentale è non firmare nulla al fornitore ne versare acconti prima di aver aperto la pratica. Tale contributo si va a cumulare con il credito di imposta 4.0 del 40%.
Specie per la sabatini, invito a contattarmi con anticipo rispetto a qualsiasi conferma di ordine così da non rischiare di perdere il contributo.

 

Bonus Formazione 4.0:

Quest’anno la normativa è stata semplificata: qualsiasi tipologia di formazione di carattere tecnico, informatico o di vendita/marketing, è agevolabile con un credito di imposta del 50% sulle spese effettuate. Se la docenza è interna (quindi una figura interna che forma altre figure interne), non sono richieste certificazioni o altri documenti  (richiesti invece se la figura docente è esterna) e si considera il costo orario delle figure coinvolte. Quindi per ogni attività formativa interna (es. formazione per l’uso nuovi macchinari, corsi informatici, organizzazione interna ecc) è possibile richiedere il contributo che si compensa direttamente in F24 esentasse. E’ possibile recuperare anche il contributo sulle spese 2021.

 

Bandi Simest:

prorogata a maggio la chiusura sportello per i Bandi Simest relativi alla partecipazione a fiere internazionali (anche in Italia purchè di carattere internazionale) e per lo sviluppo di piattaforma e-commerce. Il contributo copre il 100% delle spese (25% a fondo perduto/75% finanziamento agevolato allo 0,05%).