Kaspersky preme l’acceleratore sul mercato business

La crisi dei consumi che stiamo vivendo, colpisce anche il mercato della sicurezza, in Italia come in Europa e nel resto del mondo!
Secondo i dati Gfk sono Russia e America che riescono a fronteggiare maggiormente gli attacchi. Anche per Kaspersky, nonostante un generale andamento positivo (in crescita del 14% con fatturato 2011 pari a 612 milioni di dollari a livello worldwide), ad ottobre, le vendite di security software sono scese a 1.120.000 box: lo scorso anno, erano 1.342.000 e nel 2008 superavano il milione e 7mila unità.
Kaspersky dichiara una perdita del 14% relativa al mercato retail italiano (i risultati dell’offerta consumer però sono “risanati” dalle vendite online), mentre vanno forte i prodotti dedicati al settore business (+22%).
Business o consumer, la strategia dei vendor punta sempre e comunque alla ricerca e al miglioramento della tecnologia, per affrontare problematiche di sicurezza sempre più difficili da gestire.
Ma cosa ci aspetta per il 2013?
Contattaci e lo scoprirai.